×

DETTAGLI DIMENTICATI?

IL PROGETTO

Obiettivo del progetto “COOPERARE SICURI” è di incidere ulteriormente sulla prevenzione delle malattie professionali – il cui trend in questi ultimi anni risulta in costante crescita sia a livello nazionale che regionale – è stata infatti avviata la collaborazione tra Inail Umbria e Coop Form Umbria, l’Ente Bilaterale Formazione Ambiente promosso da Legacoop, Agci, Confcooperative, Cgil, Cisl e Uil.

Focus della sinergia l’individuazione di buone pratiche di prevenzione e di paradigmi comportamentali da adottare per evitare l’insorgenza di patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico dei lavoratori del sistema cooperativo regionale, prioritariamente dei settori logistica, facchinaggio, ecologia e servizi.

Per la parte operativa del progetto Coopform Umbria si è avvalso di Aris Formazione e Ricerca società Cooperativa, ente di formazione accreditato presso la Regione dell'Umbria che con ampie competenze professionali eroga servizi integrati nei settori della Formazione, della Ricerca e della Consulenza.

La peculiarità di Aris Formazione e Ricerca società Cooperativa risiede nella capacità di leggere, interpretare e soddisfare nel modo più efficace i bisogni delle imprese, delle persone che vi lavorano, dei territori in cui operano.

La prima fase operativa del progetto ha visto il coinvolgimento di un campione di oltre 200 soci lavoratori nelle attività di rilevazione delle modalità in cui vengono eseguite le operazioni, con l’obiettivo di individuare le aree di miglioramento da proporre nelle successive azioni formative.

E’ stato erogato un percorso formativo in tre edizioni, distribuite sul territorio umbro, che ha coinvolto cento lavoratori della durata di 12 ore. In questa direzione CoopForm ha raccolto la disponibilità di tre significative società cooperative del territorio – la Servizi Associati di Perugia, la Ducops Service di Gualdo Tadino e la Cosp Tecnoservice di Terni – che con i propri soci lavoratori faranno da laboratorio per la elaborazione e la sperimentazione di nuovi approcci per l’adozione di più efficaci modelli di gestione della sicurezza.

Al termine del percorso formativo è stata realizzata la fase di valutazione ex-post al fine di rilevare la ricaduta della formazione integrativa erogata sulle modalità di lavoro e sugli stili di vita , con il pieno coinvolgimento del preposto valorizzato nella sua funzione di sorveglianza attiva. Al termine del percorso formativo è stato rilasciato un attestato di frequenza.

I risultati ottenuti dall’intero progetto sono stati presentanti in un convegno finale che ha visto coinvolti tutti gli attori protagonisti del progetto.

TORNA SU